Voce da flirt

Se pensi che usare sempre una voce roca e profonda dal volume basso sia alla base della seduzione, sbagli di grosso! Dopo il primo approccio in cui hai usato una voce suadente, che fai? Continui a fare James Bond o Amanda Lear?

Vero è che un bel tono basso, caldo e avvolgente risulta carismatico e sensuale, ma è uno strumento da usare solo nei momenti più adatti…

Nella “musica del corteggiamento” occorre usare tutte le note, altrimenti la tua voce diventa mono-tono, ovvero monotona e noiosa, oltre che fasulla a autoreferenziale! Uomo o donna che tu sia, evita di allinearti ad un solo stereotipo (l’uomo che non deve chiedere mai o la gatta morta lasciva)!

Il segreto sta in 3 step:

  1. Colpisci immediatamente l’inconscio e parti con una voce bassa, calda e stuzzicante accompagnata da uno sguardo intenso e un atteggiamento accogliente, bastano pochi secondi
  2. Suscita curiosità e simpatia durante la conversazione leggera e scherzosa tipica del flirt e varia gli elementi espressivi e il tipo di sorriso, dimostrando apertura anche con il tuo corpo
  3. Risfodera la voce suadente e ammaliante solo in alcuni momenti, ben ponderati, per sottolineare parole o frasi importanti che alzano il livello di intimità

Avere una bella voce non basta…devi saperla usare nei modi e nei tempi opportuni. L’argomento è vario e c’è tanto da dire, ti meraviglierai di quante applicazioni pratiche ci siano!

TI PIACE L’IDEA? METTITI IN AZIONE ANCHE TU…
CLICCA QUI E SCOPRI IL METODO WORKINACTION

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *